Come è regolamentato l'affidamento dei minori?

Approfondimento della Legge n°149 - Marzo 2001 - Diritto del minore ad una famiglia

Domanda: Come è regolamentato l'affidamento dei minori?

La disciplina dell’istituto giuridico dell’Affidamento dei minori in Italia è contenuta nella Legge n° 184 del 1983 (artt. 2, 3, 4 e 5), così come modificata dalla Legge n° 149 del 2001. Tale normativa stabilisce che il minore trovatosi, solo temporaneamente, privo di un ambiente familiare idoneo, venga affidato ad una famiglia, ad un single, ad una Comunità di tipo familiare o ad un Istituto di Assistenza all’infanzia (pubblico o privato), che lo mantenga, educhi, istruisca ed accudisca, finché non possa fare rientro nella sua famiglia d’origine o, se dichiarato definitivamente in stato d’abbandono, reso “adottabile”.

Peraltro, dall’1 Gennaio 2007, tutti gli Istituti (cosiddetti orfanotrofi / brefotrofi) sono stati chiusi o riconvertiti in “Case Famiglia” (massimo 6 minori) o “Comunità di tipo familiare” (massimo 12 minori), che certamente garantiscono a questi bambini un ambiente umano e relazionale più simile a quello familiare.
Il periodo di affidamento non dovrebbe superare i due anni, ma nell’interesse del minore, è discrezionalmente prorogabile dal Tribunale per i Minorenni, nella prassi addirittura fino alla maggiore età dell’affidato. Peraltro, a sostegno degli affidatari e a garanzia della famiglia d’origine, tutto il periodo dell’Affidamento è monitorato dai Servizi Sociali territorialmente competenti, che redigono apposita relazione semestrale, da presentare al Giudice. Infine, è giusto ricordare che i bimbi dati in affido non sono quasi mai in “stato di abbandono giuridico” e, di conseguenza, non è quasi mai possibile trasformare un Affido temporaneo in un’Adozione definitiva del minore.
Per scongiurare quindi, futuri dolorosi fraintendimenti e l’instaurarsi di legami affettivi “impropri”, questa realtà deve sempre essere chiarita agli aspiranti affidatari, preliminarmente, nel loro interesse e soprattutto in quello del minore in questione.

Advocat Maria Cristina Morganti

Approfondimento e dettagli sulla legge: n°149 - Marzo 2001 - Diritto del minore ad una famiglia


  • Visite: 5152

Articoli correlati

Advocat Maria Cristina Morganti

Advocat Maria Cristina Morganti

Laureata in Giurisprudenza e Relazioni Internazionali, con Master in Mediazione Familiare e Master in Psicologia Forense, è Advocat nell’Ordine di Sant Feliu (Barcellona) e Avvocato Stabilito presso il Foro di Roma. Cura in specie il Diritto di Famiglia e Minorile: Divorzi, Adozioni e Successioni. Collabora con le principali testate giuridiche ed è il Direttore Scientifico del Master e del Corso accreditato ECM in “Biodiritto e Bioetica” per l’Ente di Formazione Elform E-learning.